Bitcoin

Zona autonoma di Capitol Hill: Crypto Paradise o Digital Shakedown?

Gli abitanti di CHAZ possono apparentemente usare il cripto presso una manciata di aziende – ma i tipi meno scrupolosi capitalizzano la situazione?

Si dice che le crittocittà stiano giocando un ruolo – nel bene e nel male – nella zona autonoma del Campidoglio di Seattle, un’area istituita a sostegno della comunità afroamericana dai manifestanti contro la polizia aggressiva.

Un progetto chiamato JamaiCoin sostiene che sei aziende stanno sperimentando la sua criptovaluta come protesta contro il dollaro USA, mentre separatamente un altro imprenditore sostiene di essere stato estorto per 500 dollari di ’soldi per la protezione‘ in Bitcoin Era (BTC).

Il CHAZ, alias Capitol Hill Occupied Protest (CHOP), è stato formato l’8 giugno dai residenti di Seattle che protestavano contro l’assassinio di George Floyd da parte della polizia. L’area di tre isolati a nord-est del centro di Seattle è diventata una comunità semi-autonoma senza la presenza della polizia.

JamaiCoin (YAH) ha affermato in un Tweet del 17 giugno che le imprese della CHAZ stanno accettando il suo gettone, che descrive come „la principale crittovaluta della comunità nera“.

Tuttavia, mentre il sito del progetto si collega agli annunci su CoinMarketCap, CoinGecko e CoinCodex, nessuno di questi siti ha informazioni sulla moneta, o dichiara che è attualmente in commercio. I link alle Borse decentralizzate non mostrano alcun tipo di scambio o link ad altre monete.

LiveTokenWatch cita un manifestante di nome ‚Rico‘ come dice: „Se vogliamo davvero [dire] addio all’oppressione e all’abuso, dobbiamo dire addio al dollaro americano. Inoltre, questi gettoni hanno un’inflazione zero. Non so per quanto tempo rimarrò a CHAZ, ma è bene sapere che il mio modesto importo manterrà il suo valore, anche se il dollaro è in caduta libera“.

Date un’occhiata alla storia di LiveTokenWatch per giudicare voi stessi, ma in assenza di informazioni di supporto, la citazione suona un po‘ fuori luogo. Il Cointelegraph ha contattato JamaiCoin e aggiornerà questa storia in caso di risposta.

Potenziale estorsione di residenti

Ci sono anche notizie non confermate che alcuni membri di CHOP potrebbero usare il cripto in un’operazione di estorsione mafiosa per estorcere denaro alle imprese locali a scopo di protezione in assenza della polizia.

Un imprenditore, chiamato solo come Marcus, afferma di essere stato avvicinato da sei sostenitori di CHOP chiedendo 500 dollari in contanti o Bitcoin (BTC) per „sicurezza e protezione della comunità“:

„Ho detto loro che avrei preferito pagare in quest’ultimo, nella speranza di guadagnare tempo. Si suppone che torneranno domani per darmi i dettagli del portafoglio digitale (nessuno di loro aveva queste informazioni quando si sono presentati […] Anche 500 dollari saranno un successo per noi, visto che abbiamo appena riaperto, ma preferirei pagare piuttosto che cercare guai. Spero anche che forniscano un po‘ più di chiarezza sul fatto che si tratti di un pagamento una tantum o ricorrente e sulla frequenza del pagamento previsto“.

Tuttavia, ancora una volta è impossibile accertare se l’imprenditore esiste davvero o fa semplicemente parte della campagna di disinformazione in corso che apparentemente circonda ogni aspetto delle proteste in corso. Il Cointelegraph ha contattato anche ‚Marcus‘ e vi farà sapere se risponde.

Phishing per Bitcoins?

Altri account Twitter non verificati con meno di 200 membri sono spuntati per richiedere donazioni in Bitcoin per CHAZ, uno che fornisce l’indirizzo del portafoglio. A partire da questo scritto, nessuno ha inviato alcuna BTC all’indirizzo, secondo i dati della catena di blocco.

Non è raro che individui senza scrupoli approfittino del sostegno pubblico su temi scottanti. Il 4 giugno il Cointelegraph ha riferito che qualcuno aveva lanciato un gettone personalizzato di George Floyd, apparentemente nutrendosi dell’edificio dell’indignazione negli Stati Uniti per fare una rapida presa di denaro.